palazzo-nucci-04

Civitella dei Conti


La zona dove sono ubicate le Case Nucci è estremamente antica, già prima degli etruschi era luogo di passaggio per il transito da Perugia a Orvieto (l’antica via orvietana). Molti sono i resti (buccheri, bolli, ceramiche….) rinvenuti nei siti archeologici della zona.
Dal punto di vista paesaggistico la collina di Civitella dei Conti domina la Media Valle del Tevere sottostante, la sua altezza di 415 metri slm consente di vedere Assisi, il Monte Subasio, Perugia, Deruta e Todi.
La zona dista 5 km dalla SuperStrada E45, che taglia a metà l’intera Regione, con la quale è possibile raggiungere in poco tempo tutte le maggiori località umbre oltre che città come Firenze e Roma.
Artigianato, agricoltura e ristorazione sono gli altri elementi di forza di questo territorio a forte vocazione turistica: si possono trovare ottimi produttori di vino, di olio e tanti prodotti tipici come i salumi, in particolare “la sella di San Venanzo”. Inoltre sono presenti numerosi calzaturifici che producono scarpe su ordinazione.
Nelle immediate vicinanze di Case Nucci è presente anche La Scarzuola, conosciuta per l’antico convento dove, secondo tradizione, avrebbe dimorato san Francesco d’Assisi, e per la città-teatro, concepita e costruita nel ventesimo secolo dall’architetto milanese Tomaso Buzzi come personale interpretazione del tema della “città ideale”.

Visita San Venanzo attraverso il suo portale

La chiesa di Civitella dei Conti
La chiesa Santa Maria dell’Oliveto, o anche Santa Maria di Cicciano dal castello che le sorgeva vicino (l’attuale Palazzo Nucci), era fin dal secolo XIII sotto la diretta giurisdizione del monastero di San Pietro di Perugia, al quale fu confermata da Lucio II e da Gregorio IX.
Nel 1787 il monastero di San Pietro cedette in permuta i beni di questa chiesa ai Fratelli Nucci di Civitella, i quali nel contratto si obbligarono alla soddisfazione dei legati, al mantenimento degli utensili e ai piccoli risarcimenti della chiesa, riservandosi il monastero, il dominio della chiesa e il diritto di Visita.
La chiesa è situata in una posizione incantevole su una terrazza dominante la sottostante valle del Tevere, si erge a poche centinaia di metri dalle Case Nucci.
Fino ai primi decenni del precedente secolo, Civitella dei Conti usava recarsi in processione alla festa della Madonna dei Bagni  la seconda domenica dopo Pasqua (nella sua sede storica distante 20 km). L’eccessiva distanza e l’insidia di un tempo spesso instabile furono le cause che fecero cadere la tradizione. Ma quegli anni sembrarono non felici per Civitella, la grandine batté ripetutamente i raccolti e molti videro in quelle calamità un segno del cielo e un invito a far rivivere l’antica devozione. Così fu fatto ma con un compromesso: la processione non sarebbe arrivata fino al troppo lontano santuario (20 km) ma si sarebbe fermata alla chiesa Santa Maria dell’Oliveto, dedicata ora alla Madonna dei Bagni. Quindi dal 1936 ogni anno quindici giorni dopo Pasqua rivive la processione della Madonna dei Bagni e la devozione delle passate.
Clicca qui per leggere la storia completa della Madonna dei Bagni e della Chiesa di Civitella

Il Lago Cesare
Le coltivazioni di tabacco hanno necessità di molta acqua. A tal proposito nel 1960 la Famiglia Nucci, ed in particolare Cesare Nucci, iniziò un’impresa per quel tempo ardua; una diga in terra alta 20 metri e lunga 100, così prese forma il lago che poi successivamente fu chiamato Cesare. 3000 m3 di acqua assolutamente pulita, in un territorio incontaminato. Carpe, Tinche e Lucci vivono serenamente in queste acque. In ogni stagione, è possibile con le canoe, circumnavigare il piccolo lago e osservare la flora rigogliosa. Sono presenti anche piccole spiagge, da cui attingere argilla benefica per la pelle.

Casa-Boschetto-57

Loading